Franco Causio, il Barone del Salento che conquistò il mondo

Quando parliamo di Amarcord calcistico non possiamo non pensare a Franco Causio, chiamato il Barone, che da Lecce, sua città natale e squadra dove mosse i suoi primi passi calcistici, riuscì a conquistare il Mondo.
A volte è bello lasciarsi cullare nei ricordi in un Amarcord infinito con i momenti belli della nostra vita che sono riusciti a resistere alle bordate del tempo. Se si era un appassionato di calcio tra la metà degli anni sessanta e la fine degli ottanta non è difficile ricordarsi di Franco Causio e delle sue grandi imprese che, pallone al piede, riusciva a creare con una tale facilità da farle sembrare un gioco da ragazzi. Causio è stato uno di quei giocatori che riuscivano non solo a segnare ma anche a portare ottimi palloni da trasformare in reti.

Nato calcisticamente nella primavera del Lecce rimane nella squadra giallorossa per un anno per poi approdare alla Juventus quindi alla Regina ed al Palermo. Nel 1970 ritorna alla Juventus e si ha la sua consacrazione definitiva con 304 presenze, 49 reti effettuate, 6 scudetti vinti, una Coppa Uefa ed una Coppa Italia. Nel 1985, anno della prima promozione del Lecce, Causio veste i colori salentini ma la stagione dopo passa alla Triestina dove terminerà la sua carriera nel 1988. Rivedendo l’amarcord dei ricordi ci si accorge che la carriera di questo giocatore è stata importante anche in Nazionale. Parte nel 1972 nella partita contro il Belgio poi nel Mondiale 1974 con tre presenze ma si rivela nel 1978 dove riesce a segnare una rete contro il Brasile. A 33 anni, nel 1982, vince la Coppa del Mondo terminando la sua carriera l’anno dopo con la partita Italia-Cipro.

Franco Causio è stato uno dei giocatori più interessanti degli anni 70-80. Dal suo ruolo di ala riusciva a percorrere tutta la fascia di sua competenza fornendo dei passaggi molto precisi in area dai quali spesso arrivavano le reti. Come giocatore era molto fantasioso in grado di avere un controllo della palla decisamente accurato e quasi imbattibile nei dribbling. In tutta la sua carriera di club ha segnato 76 reti mentre 6 in nazionale.