Essere Vegani può causare problemi di salute?

È vero che la dieta vegana può causare dei problemi di salute? Questa è una domanda che sempre più persone si pongono, visto che c’è un dibattito attivo rispetto a questa nuova tendenza, ovvero escludere dalla propria alimentazione i derivati animali oltre che le proteine animali stesse. Purtroppo, secondo gli esperti potrebbero esserci dei rischi nell’ applicazione della dieta vegana a meno che non si cerchi di trovare dei validi sostituti in grado di dare a coloro che stanno seguendo questo regime alimentare, tutti nutritivi di cui hanno bisogno.

I rischi legati all’alimentazione vegana, secondo gli esperti del settore potrebbero esistere non sono da sottovalutare se l’abolizione di carne, pesce e derivati non comporterà anche l’attivazione di una serie di accorgimenti necessari per compensare l’assenza di questi nutrienti dell’alimentazione quotidiana nelle diete vegane. Non è neanche possibile pensare di utilizzare uova e formaggi per sopperire alla carenza di proteine animali. Le diete vegane per questo motivo sono da tenere sotto controllo perché c’è la necessità di trovare delle fonti di proteine vegetali su cui fare affidamento in alternativa all’assenza di quelle animali. Su siti di settore come https://www.dietefacili.com potrai trovare ricette vegane gustose e facili da preparare ed inoltre sono disponibili diversi articoli di approfondimento.

Come eliminare i rischi per la salute in una dieta vegana

Per cercare di eliminare i rischi per la salute di una dieta vegana, l’opportunità migliore è quella di cercare di tenere sotto controllo quello che è l’apporto di fonti proteiche vegetali a tavola. Bisognerà fare affidamento su certi tipi di cereali come amaranto, quinoa, grano saraceno ma anche legumi e in generale, tutti quei tipi di sostanze che hanno, rispetto al riso e pasta, molte più proteine. È opportuno anche contare sulla frutta oleosa o sui succedanei vegetali come tofu e seitan, che vi garantiranno un apporto proteico davvero sorprendente.

Quello che potrebbe comportare un problema è il valore biologico delle proteine vegetariane. Infatti, queste proteine a volte hanno un’efficacia ridotta in termini di utilizzo che l’organismo può farne. È per questo che bisognerà mangiare molte di più proteine rispetto invece alla quantità di proteine che è necessario recuperare da prodotti di derivazione animale. In linea generale, infatti le uova e i formaggi, così come anche carne, pesce e latte, hanno delle proteine con un valore biologico più elevato e quindi in realtà il fabbisogno proteico dei vegani è molto più alto rispetto a quello invece, delle persone che seguono un’alimentazione onnivora o vegetariana.

Questo è un altro fattore a cui bisogna fare molta attenzione per cercare di eliminare qualunque tipo di rischio dell’alimentazione di coloro che hanno deciso di seguire un regime vegano.